Partita di Cash game 10/10 al Parx Casino: atteggiamenti particolari in un piatto a tre

Partita di Cash game 10/10 al Parx Casino: atteggiamenti particolari in un piatto a tre

Quando si resta in heads-up, nel corso di una mano di Texas Hold’em, gli scenari sono molti, ma limitati, perchè quella è una situazione che capita molto spesso. Quando ci si trova a giocare tutta una mano in tre, però, le dinamiche cambiano, e questo perchè bisogna tenere conto di ogni prospettiva e di ogni sfumatura che gli avversari adottano, tutti concentrati a portare a casa il piatto.

In questo caso ci troviamo al Parx Casino, durante una partita cash game 10$/10$: vediamo cosa accade.

Linee di condotta particolari

Ci troviamo al Parx Casino della Pennsylvania, e qualche settimana fa si è giocata una partita cash game Texas No Limit a bui 10$/10$. Vedremo la mano dalla prospettiva di Karl, giocatore seduto sul bottone con uno stack di circa 1.400$.

In questa mano, un giocatore in middle position (il cui stack è di 860$) apre a 40$. Karl, seduto nel cutoff, spilla A K e decide di 3bettare a 140$.  Lo small blind, con uno stack di 1.340$, chiama; il giocatore in middle ci pensa molto, ma alla fine chiama anche lui.

L’unica indicazione che abbiamo è che il giocatore in middle non sembra essere particolarmente abile.

Flop, quindi, per tre (pot 370$)

3 4 7

Small blind e middle position fanno check, parola a Karl che ha floppato un progetto di colore nuts. Karl ci pensa, poi per non alzare eccessivamente il piatto decide di fare check dietro.

Turn (pot 370$)

8

Lo small blind esce puntando 200$, il giocatore in middle chiama. A questo punto, Karl chiama.

River (pot 970$)

8

Carta davvero interessante, questa.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Lo small blind esce a 400$, il giocatore in middle fa solo call (restando, curiosamente, con soli 100$ dietro). Parola a Karl che si interroga sul da farsi: il suo colore nuts è effettivamente entrato, però su un board accoppiato e – soprattutto – con due avversari davanti, con uno dei due che ha giocato in modo estremamente passivo.

Che range attribuire loro?

Presupponendo che qui foldare sia sbagliato, meglio chiamare o rilanciare?

Cosa avreste fatto di diverso nel corso della mano?

 

 

Quale è stata la scelta di Karl?

Karl decide di fare call. Lo showdown lascia abbastanza di stucco:

Small Blind J 10

Middle Position

Karl vince il colpo, ma – vedendo le carte avversarie – il rammarico per non aver vinto qualcosa di più, ovviamente, resta. Poteva essere un piatto molto più ricco.

Author: Ruben Evans