Poker Live: Stevanato vince la Notte degli Assi, Montebelli shippa Main Eureka

Poker Live: Stevanato vince la Notte degli Assi, Montebelli shippa Main Eureka

Ovunque, c’è solo l’azzurro a dominare la scena. Il poker live parla italiano da Rozvadov a Mendrisio, passando per il Perla.

Merito di Luca Stevanato e Giorgio Montebelli: il player veneto shippa il €1.000 Notte degli Assi Platinum nel Casinò svizzero, mentre Giorgio si issa sul gradino più alto del €1.100 main event Eureka al King’s Casinò. Due vittorie pesanti.

Sempre in terra ceca, il €2.200 High Roller Eureka, solo per un soffio, non finisce nelle mani di Mario Colavita che si arrende al secondo posto, con Simone Maglianella terzo.

Tutto in attesa di capire come finirà il €990 Main Event ai Campionati Italiani by Isop, con 8 players a contendersi la vittoria, assieme alla prima moneta da 35.000 bigliettoni.

Vediamo cosa ci regala il poker live.

Notte degli Assi: Stevanato stende tutti

La Notte degli Assi Platinum parla veneto grazie al trionfo di Luca Stevanato nel €1.000 main event. “Steva10” si mette alle spalle i 144 rivali che hanno provato a loro volta ad emergere vincenti dal field. Un successo che diventa ancora più speciale se osserviamo gli avversari superati al tavolo finale.

Grinder online di spiccate doti, il veneto si conferma un cecchino anche dal vivo e si assicura la prima moneta da 40.000 euro, dopo aver regolato in heads up Alessio Astone che si consola con 25.000€. Dicevamo dei nomi presenti all’atto conclusivo del main event: in nona piazza si arena la corsa del mai domo Claudio Rinaldi.

“Swissy” porta a casa 3.000 euro, mentre in quinta posizione arrivano i titoli di coda per Carmelo Farruggio a cui vanno 8.500 bigliettoni. Manca il podio anche Cesare Raso, un altro che dal vivo sbaglia raramente: per lui assegno da 10.000 euro. Luca Ranghino mette al collo la virtuale medaglia di bronzo.

L’eliminazione del terzo classificato spalanca le porte del duello finale tra Luca e Alessio, con Stevanato che non concede appelli al rivale e va ad iscrivere il suo nome all’albo d’oro della kermesse.

Il payout del tavolo finale

1. Luca Stevanato – ITA – 40.000 euro
2. Alessio Astone – ITA – 25.000 euro
3. Luca Ranghino – ITA – 15.000 euro
4. Cesare Raso – ITA – 10.000 euro
5. Carmelo Farruggio – ITA – 8.500 euro
6. Fatjon Koshi – ALB – 6.500 euro
7. Pietro Sonaglio – ITA – 4.500 euro
8. Andrea Albonetti – ITA – 3.500 euro
9. Claudio Rinaldi – CH – 3.000 euro

Eureka Poker Tour: Giorgio Montebelli che trionfo

Al King’s Casinò risuona l’inno di Mameli, grazie al trionfo di Giorgio Montebelli che shippa il €1.100 main event Eureka Poker Tour da un milione garantito. Lui e Giuseppe De Masi hanno ripreso la corsa a 12 left nel main event, ma per quest’ultimo non c’è la rimonta sperata: si arrende all’undicesimo posto per 11.547 euro.

Giorgio invece conferma di essere in grandissima forma e fa scoppiare la bolla dell’official final table, quando con A-J domina A-4 di Spoerri. Il player italiano si disimpegna alla grande fino a quattro left e a quel punto i giocatori optano per un ICM Deal che ridisegna il payout, ma soprattutto va a premio Montebelli che guida il count: 146.126 euro sicuri nelle sue tasche, rispetto ai 187 mila del payout originario.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Si gioca quindi per la vittoria e il trofeo, con  Giorgio che vuole completare il suo capolavoro. Elimina due rivali e si presenta in heads up vs Cristian David. L’ex leader del day 1 e del day 2 prova a rimontare, ma ormai il copione del torneo è scritto. Nella mano conclusiva l’azzurro ha dalla sua Q-4 vs 8-7 del romeno e fa calare il sipario sul board Q-7-Q-4-9 per il full house che vale il trionfo.

Il payout

 

Eureka Poker Tour: Marione sfiora l’impresa High Roller

Italia vicinissima al colpaccio anche nel €2.200 High Roller, all’Eureka Poker Tour. Per poco non poteva essere una doppietta micidiale tra main ed evento esclusivo, con Mario Colavita che si ferma ad un passo dal trionfo. Seconda piazza e assegno da 50.845 euro a rendere meno amara la sconfitta nel duello finale, con Simone Maglianella che shippa il terzo posto per 34.996 euro.

In 27 sono tornati per l’atto conclusivo e tutti a premio: cash minimo di 3.401€ e prima moneta da 75.332 euro ad attendere il neo campione. Cinque gli azzurri in corsa e il primo ad avviarsi alle casse è Simone Andrian che completa il suo percorso al 26° posto per 3.401 euro. Giorgio Baralli è 18° e subito dopo lo imita Claudio Di Giacomo: il faentino si assicura 4.081€, rispetto ai 4.591 di Claudio.

Restiamo quindi con due giocatori e sia “Marione” e sia Simone centrano il tavolo finale. Il resto è storia già raccontata, con il podio che si colora di azzurro, ma sul gradino più alto si parla bielorusso grazie al successo di Aliak Shylko che beffa il duo italiano e si prende la luce dei riflettori.

Il payout del tavolo finale

ISOP: 8 players a caccia della gloria

Ai Campionati Italiani Isop in corso a Nova Gorica, il €990 Main Event ha raggiunto il tavolo finale. 27 giocatori sono tornati per il day 3 e il primo obiettivo è centrare una delle 17 piazze a premio. Dopo 10 eliminazioni lo scoppio della bolla e inizia il valzer degli allin da parte degli short che innescano una spirale vorticosa.

Si avviano alle casse fra gli altri Antonino Calabrò (16°), Carmelo Vasta (11°), Paolo Fantini (10°) e Massimo Moretti, la cui eliminazione al nono posto mette fine al day 3 e spalanca le porte dell’official final table agli 8 left che possono imbustare. Davanti a tutti c’è sempre Niki Prela che scappa via con 1.151.000 chips.

Alle sue spalle Italo Modena non fa sconti e si tiene in scia con 1.134.000 pezzi. Più staccati Alessandro Nannini e Federico Cirillo che accumulano rispettivamente 530.000 e 449.000 fiches. Proverà la rimonta Luca Testuggini che qui al Perla lo scorso anno ha vinto un’edizione della Poker Champions League: per il romano 223.000 unità e penultima piazza.

Il count ufficiale

1 – Niki Prela 1.151.000
2 – Palao Modena Italo Martin 1.134.000
3 – Cervetti Germano Maurizio 594.000
4 – Nannini Alessandro 530.000
5 – Cirillo Federico Luciano 449.000
6 – Osmanović Izet 342.000
7 – Testugini Luca 223.000
8 – Zaplotnik Andraž 200.000

Author: Ruben Evans