Polk vs Jungleman: agli high stakes è in arrivo una super sfida heads-up live

Polk vs Jungleman: agli high stakes è in arrivo una super sfida heads-up live

Preparate bevande e pop-corn perché nei prossimi giorni avremo di che divertirci.

Sabato 28 maggio, al casinò Lodge Poker Club in Texas, Doug Polk e Dan ‘Jungleman’ Cates si sfideranno in una sessione cash game heads-up che si annuncia spettacolare e rovente allo stesso tempo.

I due mostri sacri degli heads-up online incroceranno le carte a un tavolo cash con blinds 200$-400$ dopo essersi seduti con almeno 50 mila dollari di stack.

Polk e Cates hanno trovato l’accordo a inizio mese, in un podcast comune, dopo che Polk stava cercando nuovi avversari per le sue sfide nella poker room. Dopo il vittorioso challenge contro Daniel Negreanu, Polk sembra averci preso decisamente gusto…

Le minacce scherzose

Ecco lo spezzone del PodCast in cui Cates raccoglie il guanto della sfida, che è stato pubblicato da Doug Polk sul suo profilo Twitter.

I due si scambiano minacce ma col sorriso sulle labbra. ‘Jungleman’, come da tradizione del personaggio, non ha peli sulla lingua:

“A questo Doug Polk bisogna dare una bella sistemata visto che dice un sacco di str****te!”

“Come no, ti fot***ò, ecco cosa succederà. Ti farò il c*** a heads-up NLHE 200$-400$ con buy-in minimo di 50.000$. Di sicuro ci sarà la possibilità di ricaricare”.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

 

Le ammissioni di Polk

Nel prosieguo della chiacchierata a due, tra una frecciata e l’altra, Polk ammette di essere stato sconfitto in passato da Cates nel formato heads-up.

Ma non sarebbe Doug Polk se non mettesse del pepe nella discussione, che subito arriva con l’accusa all’avversario di aver ‘hit-runnato’, una pratica per nulla equa ai tavoli high stakes heads-up: non a caso quella del ‘prendere i soldi e scappare’ è indicata come una delle dieci cose più tristi che si possono fare a un tavolo da poker.

‘Jungleman’ controbatte che gli deve dare proprio una bella lezione per mettere a tacere tutte le cose senza senso che dice. Insomma, il clima è bello infuocato… L’appuntamento è per sabato, restate sintonizzati!

Su Twitter Polk ha anche postato una foto del ‘luogo del delitto’:

Il Lodge Poker Club – clicca per ingrandire

Author: Ruben Evans