WSOP 2022: che field nel PLO High Roller! Melara deep nel 2-7

WSOP 2022: che field nel PLO High Roller! Melara deep nel 2-7

Tanti gli spunti degni di cronaca arrivati in tarda mattinata dal Bally’s di Las Vegas, dove si stanno disputando le World Series of Poker 2022. Se da un lato si fa notare (e non potrebbe essere diversamente) il PLO High Roller, torneo da 50 mila dollari di buy-in che per forza di cose annovera fior fior di professionisti, dall’altro è interessante notare come nel 2-7 Lowball Draw (torneo vinto lo scorso anno nientemeno che da Phil Hellmuth) sia in ottima posizione il nostro Maurizio Melara, con lo stesso Hellmuth ancora dentro per difendere il titolo.

Event #29: $1,500 No-Limit 2-7 Lowball Draw

I record sono fatti per essere battuti e il Day 1 dell’Event #29: $1,500 No-Limit 2-7 Lowball Draw ne ha infranto uno oggi.

Un field di 437 giocatori ha eclissato il record del torneo precedente di oltre cento unità, creando un montepremi di $583.395. Sono 122 i giocatori sopravvissuti al Day 1 e che torneranno domani per contendersi il primo premio di $ 127.809, oltre al braccialetto.

Chipleader è Ian O’Hara, che ha accumulato una chip lead di 294.500. Ma scorrendo il count le notizie non mancano: in primis, Phil Hellmuth (che finora era stato assente dalle WSOP per covid) è tornato a difendere il titolo e ha chiuso con 121.000 . Poco sopra di lui i top pro Kevin Gerhart(153.000), Frank Kassela (152.000), Mike Matusow (149.500).

Ma soprattutto,  va detto che nelle parti alte del count si trova il nostro Maurizio Melara, a suo grande agio in un gioco così tecnico, che ha imbustato 127.500 chips, collocandosi di fatto nella parte medio/alta del count parziale. Melara che non è nuovo ad exploit del genere: qualche mese fa, infatti, il reggino aveva conquistato il Final Table nell’evento Seven Stud da 1.500$, finendo poi al settimo posto.

Dentro anche Alex Foxen, Brian Hastings, Greg Raymer, Alex Livingstone.

La bolla scoppierà una volta che il field si sarà ridotto a 66 giocatori, quindi per assegnare i primi premi c’è bisogno ancora di parecchie eliminazioni.

Questa la top 10 da cui si ripartirà domani:

1
Ian O’Hara
294,500

2
Brandon Shack-Harris
235,500

3
Jon Kyte
213,500

4
Tom Schneider
207,500

5
Gabe Paul
189,500

6
Michael Lang
185,000

7
Ilkka Heikkila
172,500

8
Jonathan McGowan
172,000

9
Yosif Nawabi
170,500

10
Yanni Raz
166,000

Event #26: $10,000 Limit Hold’em Championship

Il Day 2 dell’Event #26: $10,000 Limit Hold’em Championship alle World Series of Poker at Bally’s e Paris Las Vegas si è concluso con solo nove giocatori rimasti, che domani torneranno per disputare il Final Table che conferirà ad uno di loro bracciale e primo premio da 245 mila dollari.

Sarà Chad Eveslage il chip leader in partenza, con poco più di un milione accumulato; dietro di lui, il già vincitore di braccialetto WSOP Matthew Schreiber con 970.000 chips .

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Parecchi i “notable names” persi nel corso della giornata: avevano iniziato con grandi speranze i vari Phil Ivey, Josh Arieh e Brian Rast, tutti persi nel corso del tempo.

Ecco il chipcount del Final Table di domani:

1
Chad Eveslage
1,080,000

2
Matthew Schreiber
970,000

3
Joey Couden
830,000

4
Kyle Dilschneider
705,000

5
Jonathan Cohen
605,000

6
Matt Woodward
530,000

7
Matthew Gonzales
435,000

8
David Litt
190,000

9
Amir Shayesteh
175,000

Event #28: $50,000 Pot-Limit Omaha High Roller

Il torneo non-Hold’em più costoso delle World Series of Poker 2022 ha registrato un enorme successo. Nell’Evento #28: $50.000 Pot-Limit Omaha High Roller, un field di 106 partecipanti ha superato facilmente  il numero di iscrizioni dello scorso anno, creando un montepremi di $5.074.750.

In testa alla graduatoria dei 36 players rimasti in corsa si trova il poker pro finlandese Joni Jouhkimainen  con uno stack di 2.935.000. È seguito da un nutrita truppa di americani, tra questi i plurivincitori WSOP  Scott Seiver (1.835.000), Josh Arieh (1.825.000) e Aaron Katz (1.250.000).

Attenzione, però, ai nomi fuori dalla top 10: si è rivisto ai tavoli un Jason Mercier in ottima forma, che passa la giornata con 1.070.000; ancora dentro, poi, anche i vari Robert Cowen, Chance Kornuth, Ben Lamb e Jared Bleznick, tutti con grandi risultati in passato alle WSOP.

Nulla da fare, invece, per Daniel Negreanu, che pur rientrando nel torneo due volte (per un totale di tre entries) non è riuscito ad avanzare. Con lui, out anche Alex Foxen, Bryce Yockey, Stephen Chidwick, Noah Schwartz, Daniel Zack, Phil Galfond, Phil Ivey. Ma la vera curiosità è che ha preso parte al torneo anche Max Kruse, bomber del Wolfsburg, pur trovando una precoce eliminazione.

Ecco la situazione da cui si ripartirà domani:

1
Joni Jouhkimainen
2,935,000

2
Aaron Mermelstein
2,375,000

3
Scott Seiver
1,835,000

4
Josh Arieh
1,825,000

5
Michael Heritsch
1,795,000

6
Ap Garza
1,390,000

7
Aaron Katz
1,250,000

8
Manuel Stojanovic
1,180,000

9
Krasimir Yankov
1,120,000

10
Veselin Karakitukov
1,110,000

Photo Courtesy of Pokernews

Author: Ruben Evans