WSOP 2022: Musta accende le speranze azzurre nel final day del 6-Max

WSOP 2022: Musta accende le speranze azzurre nel final day del 6-Max

Mustapha Kanit assalta il 6-Max alle WSOP 2022.

Servirà la grande impresa a Musta nel final day dell’evento#14, ma nonostante uno stack non da primo della classe, ci sono tutte le condizioni per assistere alla rimonta trionfale. Niente da fare per Luigi d’Alterio e Tommaso Briotti entrambi out.

Primo bracciale e maledizione finita per Jake Schindler che shippa il torneo high roller da 50.000 dollari di buyin. Il suo acuto vale 1.3 milioni di bigliettoni.

Infine, il Championship è nelle mani di Ben Diebold che supera nell’extra final day Mike Gorodinsky e mette fine allo strapotere di Adam Friedman campione delle ultime tre edizioni del $10,000 Dealer’s Choice 6-Handed Championship. 

Vediamo cosa è successo alle WSOP 2022 nella notte appena trascorsa.

Musta accende il sogno nel 6-Max

Mustapha Kanit ci fa sognare nell’evento#14, alle WSOP 2022. Unico azzurro a raggiungere il final day del $1,500 6-Handed No-Limit Hold’em, “Musta” è chiamato alla rimonta sulla strada che porta al bracciale. Imbusta il 13° stack su 16 in corsa, con 1.950.000 gettoni. Le qualità e l’esperienza non mancano alla punta di diamante del poker azzurro.

In tutto sono 3 gli azzurri che riprendono posto nel day 2, in mezzo ai 159 players sicuri di una ricompensa, dopo le eliminazioni a premio nel day 1 di Piero Alioto (215°) e Augusto Cavazzini (202°). Tommaso Briotti si arresta al 122° posto per 3.922 dollari, mentre Luigi D’Alterio regge fino a 42 left, poi molla la presa per 9.498 dollari.

L’unico a proseguire l’avventura è il solito Musta che seppur con uno stack non certo deep si destreggia senza problemi e infine mette in tasca il pass per l’ultimo giorno di gara. Al comando dei 16 left troviamo Daniel Wellborn: l’americano è in fuga con 8.8 milioni. Attenzione però al player che scatta dalla terza casella. Stiamo parlando di Joe Cada, campione del Mondo 2009 e pronto al colpaccio con 5.6 milioni.

La top 10

1 Daniel Wellborn 8,805,000
2 Leonard August 5,800,000
3 Joe Cada 5,645,000
4 Derek Sudell 5,615,000
5 Thomas Schultz 5,550,000
6 Leo Soma 4,790,000
7 Ivan Zhechev 4,650,000
8 Anson Tsang 3,700,000
9 Ryan Jones (NC) 3,400,000
10 Tianyi Mu 3,055,000

Jake Schindler vince il primo bracciale

La maledizione alle World Series of Poker è finita per Jake Schindler. L’americano per anni ha inseguito il bracciale e piano piano, il sogno aveva le sembianze dell’incubo. Almeno fino a poche ore fa. Quando il tabù è svanito al tavolo finale del $50,000 High Roller No-Limit Hold’em.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

E’ una vittoria pesante: sia per l’importanza dell’evento#12 e sia per la prima moneta intascata, vale a dire 1.328.068 dollari. Trionfo spettacolare in tutti sensi, con Jake Schindler che riparte dalla terza casella del count nell’official final table a sei giocatori, mentre il comando è nelle mani di Brek Schutten.

Pronti, attenti, via e il primo a mollare la presa è lo short Andrew Lichtenberger, il cui A-5 rimbalza su A-Q del leader. David Peters sognava il quinto bracciale in carriera, il secondo alle WSOP 2022. E invece si arena al quinto posto, quando K-J è dominato da A-J di Shannon Shorr.

Per quest’ultimo si tratta dell’ultima buona notizia visto che poco dopo con 8-8 non trova aiuti vs 10-10 di Jake Schindler. Sul gradino più basso del podio ci sale Punnat Punsri che muove allin con Q-J e non supera A-10 di Brek Schutten. Si arriva dunque al duello finale e Brek comanda con 19.6 milioni rispetto ai 10.6 milioni di Jake.

Schindler non si perde d’animo e con super call trova il raddoppio che lo catapulta avanti nel count. Il Board K-6-2-3-6 induce Schutten al bluff in allin con Q-5 e il futuro campione ci pensa a lungo con K-4 per poi callare. Good Call e strada spianata verso il successo che si materializza di li a poco. Brek muove allin con A-Q e sbatte su A-K di Jake Schindler che una volta per tutte cancella la maledizione e mette il bracciale al polso.

Il payout

Jake Schindler United States $1,328,068
Brek Schutten United States $820,808
Punnat Punsri Thailand $593,481
Shannon Shorr United States $436,412
David Peters United States $326,464
Andrew Lichtenberger United States $248,516
Michael Rocco United States $192,570
Dario Sammartino Italy $151,942

Ben Diebold beffa Gorodinsky e Rast nel Championship

Il $10,000 Dealer’s Choice 6-Handed Championship, alle WSOP 2022, ha finalmente il suo campione. Ben Diebold mette in fila un field record di 123 paganti (primato precedente era del 2019 con 122 paganti) per questo evento, ma soprattutto vince nell’extra final day che è servito per completare il torneo. Non sono bastati infatti i canonici tre giorni per assegnare il bracciale, con l’heads up tra il neo campione e Mike Gorodinsky che è ripreso questa notte.

L’originario final day si è chiuso con il terzo posto di Brian Rast che si consola con 134.370 dollari, mentre gli altri due hanno provato a prevalere l’uno sull’altro, prima dello stop e del rinvio alla notte appena trascorsa. Ben si presenta al comando con 5,720,000 di chips e Mike deve inseguire con 1.635.000.

E’ nel No Limit Hold’em che si consuma il finale del duello. Prima Gorodinsky si illude con il double up, A-K vs A-6, ma subito dopo cade definitivamente. Ben Diebold pusha con 7-7 e il rivale si gioca il tutto per tutta con Q-J: il board K-9-6-9-5 consegna il bracciale e la vittoria al neo campione, assieme a 299.488 dollari. Succede nell’albo d’oro di questo evento a Adam Friedman capace di vincere per tre volte di fila il torneo: 2018, 2019 e 2021.

Il payout

1 Ben Diebold United States $299,488
2 Mike Gorodinsky United States $185,095
3 Brian Rast United States $134,370
4 Christopher Claassen United States $98,738
5 Naoya Kihara Japan $73,453
6 Randy Ohel United States $55,329

Author: Ruben Evans