WSOP 2022: Phil Ivey gioie e dolori nel torneo high roller

WSOP 2022: Phil Ivey gioie e dolori nel torneo high roller

Le WSOP 2022 si accendono con tantissimi eventi in corso e fra questi ci sono due tornei che provano a rubare la scena.

Uno non può che essere il $25,000 High Roller No-Limit Hold’em 8-Handed che mette in palio una prima moneta da 1.4 milioni di dollari, assieme al bracciale. Dominano la scena Chad Eveslage e Chris Brewer, ma attenti a Jake Schindler che ha trovato il colpo di coda nel finale. Niente da fare per Phil Ivey che in versione montagne russe esce dopo una show assoluto.

Intanto nell’evento#7, il $1,500 Omaha Hi-Lo 8 or Better vede appena tre giocatori contendersi la vittoria finale.

Vediamo cosa è successo in questi due tornei per le WSOP 2022.

High Roller: emozioni senza sosta

Le WSOP 2022 calibrano l’attenzione sull’evento#8: il $25,000 High Roller No-Limit Hold’em 8-Handed non ha regalato grandi gioie nel day 1 ai nostri colori, ma lo spettacolo non è mancato nella seconda giornata. Il day 2 si apre con tutti i numeri ufficiali: 251 paganti per 5.929.875 dollari di prize pool. In 87 riprendono la corsa verso le 38 piazze a premio: cash minimo di 40.648$ e fino a raggiungere la prima moneta da 1.415.610 bigliettoni.

La discesa verso la zona “In the Money” non fa sconti a nessuno e prima delle ricompense, escono di scena nomi del calibro di  Adrian Mateos, JC Tran, Mikita Badziakouski, Joseph Cheong, Cary Katz, Shaun Deeb e molti altri ancora. Superato lo scoppio della bolla ecco che Phil Ivey vive un mezzora pazzesca, prima di abbandonare la corsa.

Subisce una sportellata da Jessie Lonis, la cui coppia di assi ha la meglio su J-9 del 10 volte campione WSOP. L’americano scende ancora in maniera pesante nel count, quando con 3-3 perde il tiro di moneta vs A-6 di Reagan Silber e un board beffardo: A-3-5-7-4. Set superato dalla scala del rivale.

Nel giro di pochissime mani Phi Ivey sembra rialzarsi e trova due raddoppi di fila: Q-Q vs A-8 di Sergi Reixach e poi vince un coinflip. E’ il canto del cigno per il player a stelle e strisce, il quale poco dopo perde con 6-6 vs K-K e si avvia alle casse come 34° classificato per 40 mila dollari di ricompensa.

Dopo questo vortice di emozioni mollano la presa anche i vari Sam Grafton, Freddy Deeb, David Peters, Brock Wilson, Ben Lamb e Michael Wang. Intanto sale in cattedra Chris Brewer, il quale aggiunge alla sua cintura lo scalpo di Brian Rast: K-K non lascia scampo a 7-7. Subito dopo esce di scena il campione del mondo 2015, Joe McKeehen, a cui non basta Q-10 vs K-K di Calvin Lee.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Trova il colpo di coda Jake Schindler che da short mette le ultime chips al centro del tavolo con K-Q. Lo chiamano il deep David Miscikowski con J-10 e da Chad Eveslage con J-J e a sua volta a rischio eliminazione. Il Board A-6-3-K-6 permette il triple up a Jake, mentre Chad si prende il side pot, con David che crolla nel count ed uscirà poco dopo al 16° posto con A-5 vs A-Q di Chris Brewer.

Questa mano fa calare il sipario sul day 2 dell’evento#8, con lo stesso Brewer che comanda la truppa con 5.1 milioni. Alle sue spalle scalpita Chad Eveslage a quota 4.9 milioni, mentre Jake Schindler si porta sulla quarta casella con 3.1 milioni. In corsa anche Justin Young (2.3 M), Josh Arieh (1.9M), Calvin Lee (1.6 M) e Koray Aldemir ultimo con 520.000 pezzi.

La top 10

1 Chris Brewer 5,100,000
2 Chad Eveslage 4,914,000
3 Brek Schutten 4,610,000
4 Jake Schindler 3,150,000
5 Dan Colpoys 2,385,000
6 Justin Young 2,320,000
7 Taylor von Kriegenbergh 2,230,000
8 Josh Arieh 1,995,000
9 Ognyan Dimov 1,975,000
10 Reagan Silber 1,915,000

Matt Glantz sfiora il bracciale

Il $1,500 Omaha Hi-Lo 8 or Better, alle WSOP 2022, non delude attese nemmeno nel final day e la corsa al bracciale ha esaltato volata. In 26, dei 1.086 paganti, hanno ripreso posto nel final day e ben presto mollano la presa i vari Anthony Piazza, Vitaliy Mikhov, Chris Bell e James Chen.

Nelle battute finali Matt Glantz prova a salire in cattedra, ma le sue speranze si esauriscono al quinto posto per 59.166 dollari di premio. Manca il podio Murilo Figueredo che si accomoda in quarta piazza. Mentre vi stiamo scrivendo sono in tre a giocarsi la vittoria finale: Matt Vengrin leader con 11.4 milioni, Amnon Filippi in scia con 9.5 milioni e Paul Zappulla ultimo con 4 milioni.

Per il nome del neo campione vi rimandiamo a più tardi, sempre in questo articolo.

*pezzo in aggiornamento

Photo in home by Pokernews.com

Author: Ruben Evans