EPT Barcellona: Caporetto azzurra nel day 3, nessun italiano al final table dell’Estrellas

EPT Barcellona: Caporetto azzurra nel day 3, nessun italiano al final table dell’Estrellas

Speravamo in un altro risultato.

Il €1.100 Estrellas Poker Tour, all’EPT Barcellona, condanna i nostri all’eliminazione e nessun italiano potrà inseguire la picca al tavolo finale.

Dagli oltre 60 nostri connazionali in corsa dopo i vari day 1, ai soli 5 promossi alla fine del day 2: il fantastico inizio ci aveva illuso, ma il finale ci riporta con i piedi per terra.

Jack Sinclair comanda il count dei 9 left: l’inglese che ha vinto in carriera anche un main event WSOPE, punta ora a diventare campione nel torneo dei record.

Quarto high roller agli archivi all’EPT Barcellona: Mike Watson si prende lo scettro nel €50.000 NLH HR per 872 mila euro. Vediamo nel dettaglio cosa è successo in terra catalana.

Delusione azzurra nell’Estrellas

Un crollo che fa male. Quell’azzurro è un cammino che si è fermato troppo presto, rispetto a quelle che erano le premesse alla vigilia del day 2. Oltre 60 italiani a premio e in mezzo a quasi mille promossi. Da lì in poi poche gioie e dei 5 connazionali qualificati in corsa nel day 3, nessuno stacca il pass per il tavolo finale.

Maurizio Maiorano fanalino di coda nel count non trova la miracolosa rimonta e chiude in 87° piazza per 9.110 euro. Intanto sembrano arrivare due buone news per i giocatori del Bel Paese. Riccardo Fabbri raddoppia con K-10 vs K-Q di Pinna e centra la doppia coppia. Negli stessi attimi fa 2up anche Manuel Valduga con Q-Q vs 10-10.

Invece sarà il canto del cigno per tutti. Michele Guerrini alza bandiera bianca al 48° posto per 12.110 euro, mentre due posizioni dopo spetta a Fabbri avviarsi alle casse: dal bottone muove allin con A-6 e sbatte in maniera clamorosa su A-A. Non fa molta strada nemmeno Alessio Ianniciello che saluta la compagnia al 40° posto.

Tutte le speranze italiche vertono allora su Manuel Valduga, ultimo baluardo azzurro nell’Estrellas Poker Tour. Per lui i titoli di coda scorrono a 24 left, quando ci prova con A-Q e non supera Q-Q: 18.350 euro incassati e il sipario per i giocatori azzurri nel torneo.

Torneo che prosegue fino alla formazione del tavolo finale. Scatenato nelle battute finale Jack Sinclair. Il britannico vola e si prende la prima casella nel count con 43.400.000 gettoni: crea un abisso fra sé e gli altri players, considerando che il rivale più vicino è Rick van Bruggen con 32.8 milioni di pezzi.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Chi vince porta a casa 600.000 euro e potrà raccontare di aver battuto il field record composto da 6.313 paganti. Tutti e nove i finalisti hanno in tasca almeno 55.500 euro. Carte in aria a partire dalle ore 13, con il livello 37: 300.000-600.000 big blind ante 600.000

Il count ufficiale

1 Jack Sinclair 43,400,000
2 Rick van Bruggen 32,800,000
3 Ahmad Rehaime 22,400,000
4 Kyle Ho 20,100,000
5 Hendriekus Soering 19,100,000
6 Renat Bohdanov 17,800,000
7 Bjorn Bruns 16,400,000
8 Simon Bouaksa 10,000,000
9 Yoan Asparuhov 7,400,000

Elementare Watson!

Il €50.000 High Roller, all’EPT Barcellona, incorona campione Mike Watson. Il canadese mette tutti in riga nell’evento previsto sulla singola giornata e porta a casa la prima moneta da 872.940 bigliettoni. In 59 ci hanno provato in questo quarto high roller, degli 11 previsti in terra catalana.

Generato un montepremi complessivo di 2.862.090 euro, con 8 posizioni a spartirsi il malloppo. La ricompensa minima vale 114.800€, con 300 mila euro che ballano fra prima e seconda piazza a fine corsa. L’ultimo a mancare la zona premi è stato Stephen Chidwick, con Michael Addamo che poco dopo molla la presa in ottava piazza.

L’australiano si arrende con A-4 vs A-K. Lo imita Michael Soyza (7°), con Aleksejs Ponakovs sesto classificato. A 5 left arriva la mano che cambia la storia del torneo: Mike Watson con A-5 tiene a bada K-Q di David Yan e incassa un pot da oltre 1 milione di pezzi. Grazie a questo raddoppio, il canadese cambia marcia e va prendersi la vittoria.

Pascal Lefrancois vede scorrere i titoli di coda in quinta piazza, con David Yan out ai piedi del podio. A tre left, Kahle Burns e il futuro campione fanno storia a sé nel torneo, mentre Arthur Conan arranca sul fondo del count e sarà lui a mollare gli ormeggi al terzo posto. Si apre quindi il duello finale: l’australiano comanda con 3.7 milioni di fiches e dall’altra parte Watsom risponde con 2.8 milioni.

Quest’ultimo non si scompone e dopo aver ricucito il gap, mette la freccia per il sorpasso. Strada in discesa per il buon Mike, il quale poco dopo fa calare il sipario sul torneo: parte dietro con 10 8 rispetto a K-Q, ma il board 9 Q 6 10 7 consegna la scala colore al neo campione, assieme al titolo e alla prima moneta da 872.940 euro.

Il payout

1 Mike Watson Canada €872,940
2 Kahle Burns Australia €572,420
3 Arthur Conan France €415,000
4 David Yan New Zealand €314,830
5 Pascal Lefrancois Canada €243,280
6 Aleksejs Ponakovs Latvia €186,040
7 Michael Soyza Indonesia €143,100
8 Michael Addamo Australia €114,480

Author: Ruben Evans