Poker Live: Stevanato e Giudice volano a Cipro, che beffe per gli azzurri tra King’s e Perla

Poker Live: Stevanato e Giudice volano a Cipro, che beffe per gli azzurri tra King’s e Perla

Poker Live senza soluzioni di sosta.

In terra cipriota è decollato il $5.300 Main Event $5.000.000 GTD del Luxon Pay Mediterranean Poker Party  e nel day 1A i nostri players partono subito forte: top ten per Luca Stevanato e Giovanni Giudice, con le qualifiche di Andrea Ricci, Fausto Tantillo e Carlo Savinelli.

Beffa amara per gli azzurri nel final day del €490 Euro Poker Million al King’s: quattro connazionali al tavolo finale, con Saveikis che shippa la vittoria, davanti al trio italiano composto da Montebelli, Colamasi e Zambo.

Infine, a Nova Gorica, per il main event ISOP, ecco il secondo trionfo nel circuito per Adrian Lovin che batte Davide Daffini in heads up, con Cosimo Bisogno quarto classificato.

Vediamo cosa è successo con il poker live nella giornata di ieri.

Manita azzurra a Cipro

Sé il buongiorno si vede dal mattino, ci attende un super evento in terra cipriota. Il $5.300 Main Event $5.000.000 GTD, del Luxon Pay Mediterranean Poker Party, vede cinque azzurri staccare il pass per la seconda giornata e da assoluti protagonisti. Luca Stevanato e Giovanni Giudice occupano rispettivamente l’ottava e nona casella nel count del day 1A.

“Steva10” vola con 348.500 e lo stesso fa Giovanni con 346.500. Per Luca, decisiva una mano nelle prime battute del torneo, quando con Q-Q ha la meglio su A-Q di un rivale e porta a casa un monster pot. Giudice a sua volta viene premiato dalle dame: sul board 6-7-4-K-5 l’azzurro con Q-Q chiama l’allin di Alex Goulder che mostra il bluff con A-J. Piatto 240 mila pezzi per il nostro connazionale e cambia l’inerzia del suo torneo.

Alle loro spalle è poi la volta di Fausto Tantillo e Andrea Ricci. Il siciliano mette assieme 222.500 fiches e va prendersi il 22° posto nel count, con Andrea che si tiene in scia a quota 207.000. La cinquina azzurra, fra i promossi, si completa con la presenza di Carlo Savinelli. Il “Sindaco di Maddaloni” sale in maniera costante e lo ritroviamo con 146.500 fiches. Niente da fare invece per Alessio Isaia bustato ad un passo dal gong.

Nel day 1A del main event, in 132 hanno risposto presente, con 71 players che passano alla seconda giornata. Lunga la strada che porta al garantito di 5 milioni di dollari, ma ci sono ancora tre round di qualificazione ed è atteso il sold out al Merit Casinò.

La top 10 del day 1A

1 Denis Vitchenko 538,500
2 Daniel Rezaei 516,500
3 Mehdi Chaoui 498,500
4 Alexandre Vuilleumier 495,500
5 Chakib M’hiri 395,500
6 Charbel Ibrahim 391,000
7 Eduard Bargsegyan 373,000
8 Luca Stenavato 348,500
9 Giovanni Giudice 346,500
10 Ondrej Drozd 325,50

Gli azzurri crollano ad un passo dal traguardo

Epilogo amaro, al King’s Casinò, per i colori azzurri. Nel final day del €490 Euro Poker Million portiamo 4 italiani al tavolo finale, con tre di essi nelle prime 4 posizioni finali, ma il successo è in salsa lituana. Da una parte quindi l’amarezza per la mancata vittoria e dall’altra la consapevolezza dell’ottima forma del poker live nostrano.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Finisce con il successo di Algirdas Saveikis: il lituano non fa sconti nella discesa al titolo e si prende la prima moneta da 162.500 euro, oltre al ticket da 10.350€ per il main event WSOP 2022 e riservato alle prime 12 posizioni. L’ultimo ad arrendersi al vento dell’Est è stato Giorgio Montebelli che termina secondo per 90.350 euro.

Medaglia di bronzo per Alessio Colamasi che si assicura 62.800 euro, dopo una strepitosa prestazione. E anche ai piedi del podio si parla italiano, con Raffaele Zambo. L’azzurro inizia da super leader l’atto conclusivo del main event, ma la sua cavalcata è interrotta al quarto posto per 45.450 euro.

Il quarto italiano al tavolo finale è Alessio Lisci, il quale però molla la presa in breve tempo e si accomoda alle casse per incassare il nono premio: 12.100 euro. Infine, il primo azzurro a raggiungere il capolinea è Maradona Abaz: partito ultimo nel count, a 27 left, sembra poter mettere in piedi la rimonta vincente. Invece il sipario cala al 14° posto per 8.055 euro.

Il payout del tavolo finale

Doppietta per Lovin a ISOP

Titoli di coda anche per il main event dei record a ISOP, al Perla di Nova Gorica. Secondo successo in questa kermesse per Adrian Lovin che un anno dopo il primo trionfo concede pure il bis. Vittoria di spessore la sua considerando il field corposo e la qualità dei 20 left nel final day. Assoluto mattatore Lovrin che stende in heads up Davide Daffini.

L’azzurro parte leader ad inizio final day e per lunghi tratti respinge gli assalti dei rivali. Poi nel finale vede il sorpasso nel count del futuro campione e in heads up prova a ricucire il gap. Sarà tutto inutile: nella mano conclusiva Adrian con Q-J non lascia scampo a 9-7 di Davide, con un jack hittato sul board che mette la parola fine.

Lovrin incassa 33.000 euro di prima moneta, con il nostro alfiere che si consola con 20.500 euro. Quarta piazza per Cosimo Bisogno che conferma i pronostici della vigilia e da protagonista incendia la discesa al titolo. Semaforo rosso a due passi dalla gloria, quando con A-9 non supera 10-10 di Daffini.

Per il toscano arrivano 7.497 euro. Il gradino più basso del podio va invece ad Alessandro Nannini che finisce in allin sul board 6-3-5-A con A-8 e trova 4-2 per la scala in mano al futuro campione. Tutti i 10 finalisti hanno conquistato, oltre al relativo premio in denaro, anche il ticket da 990€ per accedere al main event dei Campionati Italiani 2022.

Il payout

1° Lovin Sorin Adrian – €33.000
2° Daffini Davide – €20.500
3° Nannini Alessandro – €11.700
4° Bisogno Cosimo – €7.497
5° Pezzotti Aldo – €5.500
6° Secci Alessandro – €4.350
7° Ludovico Tommaso – €3.300
8° Doddo Valerio – €2.700
9° Gobbin Michele – €2.200
10° Busatto Filippo – €2.200

Photo Home by Pokernews.com

Author: Ruben Evans